australian debt

Australia – La Grecia prossima

Vota questo post

I consumatori australiani sono più preoccupati per le prospettive di medio termine rispetto al culmine della crisi finanziaria, e giustamente.

Fonte: @ANZ_WarrenHogan

Come The Telegraph rapporti, entro la fine del primo trimestre di questo anno, Debito estero netto dell'Australia è salito a un record di $955bn, uguale a un 60pc già insostenibile del prodotto interno lordo, ed è destinato a salire come scommessa di RBA che avrebbe aiutato il deprezzamento nel valore della valuta del paese per compensare il calo nella sua prepotente industria mineraria non è successo nella misura in cui che essi avrebbero voluto.

Inoltre, come spiega UBS, Cicli di crescita del PIL reale della Cina sono diventati un sempre più importante motore di crescita del PIL nominale dell'Australia quest'ultimo decennio. Con ferro minerale e carbone prezzi minimi record nuovo impianto idraulico, un cinese (Real) economia di infornamento su forse 1 cyclinder, e investitori avvolti dal collasso della Cina; Forse la situazione in cui l'Australia è più come la Grecia che molti vogliono ammettere, come Gina Rinehart, Più ricca donna e matriarca della dinastia di estrazione mineraria Hancock di Perth Australia stordito suoi operai questa settimana: accettare un 10% pagare il taglio o faccia licenziamenti.

 

 

Il governo di Canberra e la Reserve Bank of Australia, Spiega il telegrafo, aveva Scommetto che il deprezzamento nel valore della valuta del paese avrebbe aiutato per compensare il calo nella sua prepotente industria mineraria. Tuttavia, Ciò non è accaduto nella misura in cui che essi avrebbero voluto.

Mese scorso Gina Rinehart, Più ricca donna e matriarca della dinastia di estrazione mineraria Hancock di Perth Australia trasportato una scossa sgradita ai suoi lavoratori in Australia occidentale: accettare una riduzione di paga 10pc possibili o affrontare il rischio di futuri licenziamenti.

MS Rinehart, cui famiglia hanno accumulato ricchezza ampia da estrazione di minerali di ferro, ha visto la sua fortuna diminuire dal momento che i prezzi delle materie prime ha cominciato loro inesorabile scivolare l'anno scorso. Il magnate minerario australiano ha visto la sua ricchezza stimata comprimere a circa $11mld (£7bn) da una fortuna che è stato pensato per essere la pena di circa $ 30 miliardi appena tre anni fa.

Questo colossale crollo nella ricchezza è sintomatico del problema economico più ampio ora di fronte a Australia, che per anni è stato conosciuto come il paese fortunato a causa sua preponderanza di risorse naturali come minerale di ferro, carbone e oro. Durante gli anni del boom delle commodity cosiddetti "super-ciclo" quando la Cina non poteva comprare abbastanza di tutto che l'Australia scavate nel terreno, l'economia del paese ha assomigliato ad olio-ricco Arabia Saudita.

Tuttavia, un crollo dei prezzi di carbone e minerale di ferro accoppiato con l'impatto delle società minerarie internazionali grande riducendo gli investimenti ha esposti vulnerabilità vero dell'Australia. Appena come l'Arabia Saudita, che è ora brucia sua stranieri si riserva per compensare la caduta dei prezzi del petrolio, Australia si affaccia un crollo dei proventi da esportazione.

Recentemente rivisti figure per aprile mostrano che il deficit commerciale del paese con il resto del mondo ballooned a un record di un .14bn di $4 (£ 2 miliardi). Quel divario tra il valore delle esportazioni e importazioni è previsto in aumento, il valore delle risorse più importanti dell'Australia raggiunge nuovi minimi di multi-anno. Minerale di ferro è ora in negoziazione intorno $50 per tonnellata, confrontato con un picco di intorno $180 per tonnellata raggiunto in 2011. Carbone termico inoltre ha sofferto le perdite pesanti, ora di negoziazione presso intorno $60 per tonnellata rispetto con tutto $150 per tonnellata quattro anni fa.

Per un'economia che in 2012 dipendeva da risorse per 65pc del suo totale degli scambi di beni e servizi che queste drammatiche cadute dei prezzi sono quasi impossibili da assorbire senza infliggere danni più ampia. Il calo di entrate di valuta estera ha visto che Australia costretti ad indebitarsi di più al fine di mantenere la spesa pubblica.

Il rispettato economista australiano Stephen Koukoulas ha recentemente scritto di i pericoli che crescenti livelli di debito estero potrebbe presentare per le generazioni future. Un prolungato periodo di depressione dei prezzi potrebbe trasformarsi anche Australia in versione dell'Asia della Grecia, con la Cina essendo suo banchiere di ultima istanza invece di Unione europea.

Come spiega UBS ulteriormente, Cicli di crescita del PIL reale della Cina sono diventati un sempre più importante motore di crescita del PIL nominale dell'Australia quest'ultimo decennio.

Il proprietà-driven rallentamento nella crescita del PIL della Cina sta continuando ad avere un elevato impatto negativo sull'economia dell'Australia. Questo è perché la Cina rimane chiaramente più grande destinazione di esportazione dell'Australia, avendo raggiunto un picco un high record ~? quota delle esportazioni totali dello scorso anno (equivalente a ~ 7% del PIL), ma più recentemente ripercorrendo acutamente alla corrente 28% Condividi. Ciò riflette la >20%y/y calo delle esportazioni nominale dell'Australia alla Cina in FY15 – che è sulla buona strada per sottrarre pts ~ 1¼ % y/y dal PIL nominale.

In contrasto, FY14 valore delle esportazioni è salito 26%y/y, Aggiunta di pts 1¼ % y/y al PIL nominale. In particolare, Questa inversione di tendenza riflette interamente i prezzi crollano, i volumi di cui impeto più che controbilanciati. (Infatti, Questa diminuzione complessiva della esportazione valori è nonostante un boom negli arrivi di turismo cinese che attualmente stanno crescendo ~ 20%y/y.)

La debolezza della domanda cinese rimane un rischio di ribasso chiave per non solo economia australiana, ma anche la RBA & Outlook AUD. La debolezza della crescita cinese sta avendo il più evidente impatto negativo su Australia, perché il nostro cestino delle esportazioni è (quasi) concentrato in modo univoco in materie prime (Torna giù a ~? Condividi), dove la Cina è in genere il prezzo marginale-setter. Infatti, dopo il minerale di ferro da solo ha raggiunto un 30% quota di australiano totale esportazioni in 2013, il recente crollo rinnovato in prezzi del minerale di ferro ha visto la sua quota di esportazione cadere indietro più vicino a 20%. L'effetto di prezzo è stato un fattore chiave dietro termini dell'Australia del commercio collapsing dei ? dal relativo picco in 2011.

Questo ammortizzatore di reddito negativo pesa pesantemente sulla posizione fiscale dell'Australia, che ha visto suo deficit costantemente peggio del previsto in tale periodo; come pure che porta ad un 'capex cliff', che ha visto la RBA tagliare i tassi e trascinare l'AUD/USD giù per un minimo di 6 anni. Infatti, un sondaggio ABS delle prospettive per l'investimento di data mining in FY15/16 implica un collasso ~ 37% che potrebbe sottrarre direttamente una massiccia pts 2% y/y dal PIL nominale. Come tale, la debolezza della domanda cinese rimane un rischio di ribasso chiave per non solo economia australiana, ma anche la RBA & Outlook AUD (con quest'ultimo ancora previsto per ammortizzare ulteriormente a 0.70USD avanti).

Come il Telegraph si conclude, piuttosto inquietante,

Il problema è che l'Australia, Dopo decenni di sforzi per diversificare, è alla ricerca sempre più come un'economia dei petrodollari del Medio Oriente, ma la vasta orda di valuta estera che si riserva per ripiegare su quando cadono di prezzi delle materie prime.

 

Invece, Gli australiani devono prendere in prestito per mantenere gli standard di vita che il paese si è abituato a, che anche alcuni greci ammetterà è insostenibile.

È anche gradire questi articoli

Commento Come utilizzare l'account di Facebook